Per qualsiasi richiesta: info@gestionedebito.it

News

12Dic2017

UE: direttiva per bancomat e carte di credito

Nel rispetto della direttiva EU, il Consiglio dei Ministri, tramite decreto, modifica la normativa italiana che ha come oggetto di interesse le commissioni interbancarie effettuate con bancomat e carte di credito.
La volontà è quella di aumentare l’efficienza attraverso la trasparenza dei processi, sia nei confronti dell’utente che in quelli dell’istituto di credito, fornendo (ad entrambe le parti), maggiore tutela e trasparenza per quanto riguarda i servizi interbancari a pagamento (conosciuti anche attraverso l’utilizzo dell’acronimo PSP).
Nel tentativo di unificare ed integrare il tutto sotto la giuda dell’Unione Europea, la stessa chiede inoltre, che vi sia una maggiore possibilità di scelta da parte dell’utente nei confronti dei servizi a pagamento offerti dai vari istituti di credito presenti sul territorio italiano.
Prendiamo ad esempio l’utilizzo della carta bancomat o carta di credito: per i pagamenti la direttiva indica che il tasso di interesse, relativo alla commissione interbancaria, non deve superiore al 2% della somma prelevata (ad ogni commissione), altri tipi di operazioni (sempre attraverso bancomat o carta di credito), non devono superare il 3% del valore dell’operazione.
SI cerca, inoltre, di invogliare gli utenti ad utilizzare sempre meno il contante a vantaggio di carte di credito, bancomat o forme elettroniche.
Perché questo avvenga è necessario rafforzare ed unificare i livelli di sicurezza bancari, quindi, far si che rispondano a determinate direttive comuni dettate dall’Unione Europea.
Qualche esempio: meno responsabilità e più garanzie per i conto correntisti (in caso avvengano pagamenti non autorizzati la franchigia viene ridotta da €150 ad €50), a qualsivoglia metodo di pagamento tecnologico si impone il divieto di applicare un sovrapprezzo alla transazione, maggiori controlli da parte delle autorità nazionali competenti nel rispetto della normativa europea.
I pagamenti che non considerano il contante, danno più possibilità di concorrenza ed efficienza sia per i consumatori che per gli istituti di credito.

  • 12 Dic, 2017
  • Mauro Sisti
  • 0 Commenti
  • bancomat, carte di credito, direttive bancarie, UE,

Condividi questa news

Categories

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *